Scarico WC intasato: ecco come risolvere

All’improvviso, può capitare che lo scarico del WC risulti intasatato e la toilette va in tilt. Prima ancora di chiamare l’idraulico, ci sono tutta una serie di azioni utili che è possibile tentare per ripristinare il normale funzionamento dello sciacquone.

Il punto di partenza, però, è sempre quello di ricoprire l’area attorno al wc con fogli di carta assorbente: l’intento di fondo consiste nel proteggere il pavimento, a fronte di schizzi o di perdite. Ecco, pertanto, i metodi più ricorrenti per venirne a capo a fronte di scarico del WC intasato.

Utilizzo dello sturalavandini

In casa, lo sturalavandini è uno di quegli utensili che non deve mai mancare, visto che prima o poi torna sempre utile. Bisogna provare a rimuovere ciò che blocca il normale funzionamento dello scarico. Naturalmente, occorre indossare degli appositi guanti in gomma. A fronte di qualche difficoltà nella rimozione dell’ostruzione, è scelta saggia mettere lo sturalavandini per un paio di minuti sotto l’acqua calda del lavandino. Una volta che la gomma della ventosa si sarà dilatata, l’adattamento ai bordi del water risulterà migliore. Perciò, dopo averlo posizionato accuratamente, è opportuno fare pressione e procedere a diversi tiraggi. Il tappo dovrebbe essere rimosso senza intoppi. Puoi trovare maggiori dettagli cliccando qui!

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è un prodotto polivalente, perché si presta a svariati usi. Anche a quello inerente allo scarico WC intasato. Affinché tutto proceda per il verso giusto, conviene versare del bicarbonato di notte, prima di andare a dormire: il metodo in oggetto, infatti, necessita di varie ore per svolgere al meglio la sua funzione. Per la precisione, i tre cucchiai di bicarbonato vanno messi in due bicchieri di aceto bianco. Dopo il suo scioglimento, occorre dapprima versare la soluzione nel wc e poi fare lo stesso con una pentola d’acqua calda. Lo scopo è sempre quello di fare una pressione naturale. Dalla reazione chimica in questione, il tappo di sporcizia che impediva il funzionamento dello scarico, intasandolo, dovrebbe essere rimosso senza problemi.

L’appendiabiti di metallo

L’appendiabiti in metallo, tipicamente impiegato nelle lavanderie, è il gancio perfetto per rimuovere ogni sorta di ostruzione dal wc malfunzionante. Il motivo di fondo è che risulta davvero semplice modellarlo come meglio si crede.

Bisogna, però, prestare massima attenzione a non graffiare le pareti del water. Coprire la superficie del WC con un panno è una saggia decisione. Il gancio deve essere di una certa lunghezza. Va infilato nello scarico e con una pressione minima diventa possibile rimuovere il blocco di sporcizia. Terminata questa operazione, bisognerà solo azionare lo sciacquone. Tutto tornerà come prima.

Leggi anche quando cambiare l’impianto idraulico domestico!

E in caso di complicazioni maggiori?

I metodi appena presentati funzionano alla grande nella maggior parte dei casi. Sono semplici da applicare e basati su oggetti e sostanze facilmente reperibili. Tuttavia, l’imprevisto potrebbe rivelarsi ancora più ostico. Come venirne a capo?

Beh, il ricorso a strumenti di natura professionale, è in genere in questi casi la principale via di uscita. Un aspiratutto rappresenta un valido alleato, perché va ad aspirare l’acqua presente nel gabinetto. Al fine di ridurre il passaggio dell’aria, è ottima decisione quella di avvolgere l’estremità del tubo con un panno. Rimuovere il tappo diventa più semplice, perché l’aspirazione ne beneficia in termini di potenza.

Chiamare l’idraulico

Se il problema dovesse persistere, conviene rivolgersi direttamente a un idraulico. Chi meglio di un professionista del settore può farti uscire da questo momento di impasse? Con un servizio di pronto intervento, i tempi delle operazioni si riducono, visto che in genere l’idraulico arriva in loco nel giro di un’ora. Se ad esempio lo scarico del WC dovesse intasarsi di notte, contattare un pronto intervento idraulico operativo h24 e 7 su 7 è la via migliore.

La tecnica convenzionalmente adottata ruota attorno all’utilizzo del cosiddetto serpente idraulico. Una volta urtato il tappo, con delle semplici rotazioni effettuate con la punta dell’arnese, si va a rompere l’ostruzione in tanti piccoli frammenti. Il WC viene così sturato.