Come sbloccare un chakra

Chi si dedica alla meditazione o pratica yoga, sa che il proprio organismo si compone di 7 centri energetici il cui scopo è quello di ricevere e distribuire l’energia vitale al proprio corpo.

Questi centri energetici, meglio noti con il termine sanscrito chakra, sono collegati alle emozioni, funzionalità vitali, sensazione e spiritualità.

Per questo, è importante che essi rimangano sempre “aperti” ovvero che l’energia possa fluire liberamente onde evitare l’insorgere di stress, ansia e finanche problemi di salute.

Tuttavia, lo stress della vita quotidiana, porta spesso a vivere momenti nei quali ci si sente particolarmente provati e il motivo è che uno dei chakra risulta bloccato andando a creare un disequilibrio.

Per ritrovare il proprio benessere psicofisico, bisogna pertanto liberare i chakra.

Come affermato anche dal noto medico indiano, nonché autore di numerosi libri di yoga,Deepak Chopra, bisogna necessariamente cambiare stile di vita per poter raggiungere il benessere totale in grado di coinvolgere corpo, mente e spirito.

Vediamo quindi nel dettaglio come riuscire a sbloccare un chakra.

I sette chakra e come superare un blocco

Il primo chakra, denominato radice, può bloccarsi quando si prova paura o si ha un forte senso di colpa.

Per riuscire a sbloccarlo si possono effettuare lunghe passeggiate, salti e soprattutto dedicarsi alla meditazione.

Il secondo chakra, il sacrale, si chiude quando si prova un forte senso di insoddisfazione o di incapacità ad esprimersi; in questo caso sarà utile praticare degli esercizi fisici in acqua o fare stretching per la schiena.

Per quanto riguarda la meditazione in questo caso dovrà essere effettuata concentrandosi sulla respirazione.

Il plesso solare, ovvero il terzo chakra, quando è bloccato provoca disturbi digestivi e un forte senso di spossatezza: in questo caso praticare yoga si rivela l’arma vincente.

Quando è il quarto chakra, del cuore, ad essere bloccato si prova un forte senso di solitudine, ma per riuscire a liberarlo sarà sufficiente effettuare esercizi di respirazione concentrandosi sul colore verde e stando più a contatto con la natura.

Il chakra della gola bloccato, causa forti problemi alle spalle e alla parte altra del collo; per riuscire a sbloccarlo bisogna praticare la meditazione concentrando il respiro sulla gola.

La chiusura del terzo occhio, ovvero del sesto chakra provoca problemi alla vista e mal di testa, mentre dal punto di vista psicologico può portare a rimuginare troppo su determinati pensieri, rischiando di rimanere bloccati in un mondo immaginario.

In questo caso oltre a dedicarsi alla lettura di romanzi, bisogna praticare yoga assumendo una posizione fetale.

Infine, il settimo chakra, quello della corona, regola l’autocoscienza e il pensiero.

Se questo dovesse bloccarsi, si potrebbe anche cadere in preda alla depressione ed avere disturbi del sistema immunitario.

Per riuscire a liberarlo, bisogna cercare la pace interiore grazie allo yoga e dedicarsi alla meditazione con l’aiuto di mantra che si basano sulla pronuncia a lungo della lettera “M”, aiutandovi così a rilassarvi.

L’importanza di una vita equilibrata

Risulta pertanto fondamentale che la pratica costante di yoga e meditazione, aiuta a mantenere aperti i chakra: ogni giorno si vivono situazioni difficili e stressanti che potrebbero determinare un forte stress psico-fisico, per questo motivo bisogna seguire le 3 regole fondamentali:

  • alimentazione sana,
  • passeggiare almeno un’ora al giorno,
  • praticare meditazione.

Così facendo si può trovare il proprio equilibrio interiore.