Stitichezza nei bambini: quali sono i rimedi

Per contrastare la stitichezza nei bambini possiamo fare affidamento su molti validi rimedi naturali, che saranno in grado di risolvere questo spiacevole e fastidioso problema per i nostri piccoli.

Quando si può manifestare la stitichezza nei bambini ?

La stitichezza nei bambini è un problema abbastanza comune e fortunatamente non grave, entro certi limiti, anche se è sempre bene affrontarlo il prima possibile e con il massimo della serietà.

La prima cosa da fare, come visto su Agolab nell’articolo dedicato ai rimedi per la stitichezza, è cercare di capire le cause della stitichezza, andando ad analizzare a fondo il problema. Generalmente si ottengono degli ottimi risultati soltanto cambiando alimentazione, aiutando e stimolando il bimbo nel suo naturale processo di evacuazione.

Un altro aspetto da tenere in considerazione è l’età del bambino, in quanto la stitichezza entro un certo raggio d’età è un aspetto totalmente fisiologico della vita del bimbo.

Generalmente parliamo di vera e propria stitichezza per il bambino nel momento in cui esso non riesce ad evacuare entro 4 giorni, o nel caso in cui l’evacuazione causi dolore e bruciore.

Andiamo a scoprire quali sono i principali rimedi naturali per combattere la stitichezza nei bambini, analizzando i vantaggi ed i benefici.

Seguire la giusta alimentazione

Generalmente se il bambino segue ancora una dieta basata sull’allattamento, la frequenza della sua evacuazione sarà estremamente variabile, fatto questo che dovrebbe non mettere in allarme, in quanto assolutamente naturale.

In allattamento, il bambino tende a nutrirsi di tutte quelle sostanze necessarie per una corretta evacuazione, assorbite in fretta grazie al latte materno. E’ bene quindi che la mamma abbia una dieta sana ed equilibrata, fatta di frutta, legumi, cereali, verdure e tanta acqua, tutti alimenti importantissimi.

In linea di massima la stitichezza nei bambini avviene quando l’allattamento sia completamente artificiale.

In una condizione di allattamento artificiale difatti al bimbo manca il lattulosio, uno speciale zucchero presente in gran quantità all’interno del latte materno e che consente al bambino di avere un’evacuazione costante e sana.

Questo fattore induce moltissimi pediatri a consigliare negli allattamenti artificiali dei particolari tipi di latte arricchiti con questo zucchero, per cercare di contenerne la mancanza causata dal non allattamento materno.

Al momento delle svezzamento al bimbo gioverà tantissimo seguire una dieta a base di frutta fresca per una quotidiana e corretta evacuazione. Ecco perché sarà utilissimo frullare prugne, fichi o pere da dare direttamente al bimbo, che apprezzerà inoltre il loro sapore.

La frutta difatti ha proprietà digestive notevoli, oltre a contenere il giusto apporto di liquidi. Sono inoltre consigliati yogurt, minestre e verdure varie, oltre al bere frequentemente. Si dovrebbero evitare invece alimenti che tendono a “stringere”, come il limone ed il riso.

Stimolare l’evacuazione attraverso massaggi ed attività sportiva

Per risolvere il problema della stitichezza nei bambini, oltre ad una corretta alimentazione, è molto importante eseguire dei veri e propri massaggi, dei movimenti circolari al pancino del bimbo, in maniera tale da stimolare l’evacuazione in maniera del tutto naturale.

Un altro movimento che aiuta il piccolo nella naturale evacuazione è il muovere le gambe in una sorta di pedalata, quasi come se andasse in bici, aiutando cosi il naturale processo fisiologico per l’evacuazione delle feci.

Quando il bambino è più grande potrà fare esercizi all’aria aperta, praticare sport come calcio, piscina o semplicemente una camminata al parco con i genitori.

Praticare attività fisica è difatti uno dei migliori rimedi in assoluto per avere una corretta funzione digestiva, al contrario di una vita sedentaria, che può far insorgere problemi.

L’importanza del vasino

Capita spesso che un bimbo si senta a disagio nel fare i suoi bisogni all’interno del pannolino, quando raggiunge una certa fascia di età, generalmente intorno ai 2-3 anni. In questi frangenti potrebbero insorgere problemi di natura ansiogena che compromettono il naturale processo di evacuazione del bimbo.

Ecco che in quest’ottica una corretta educazione all’uso del vasino potrebbe aiutare, e molto, nel risolvere problemi di stitichezza del bimbo.
Bisogna necessariamente lasciare autonomia al bimbo per l’uso del vasino, aiutarlo a trovare la posizione adatta a lui, lasciandolo tranquillo e rilassato, senza forzarlo. In questo modo aiuterete la sua naturale evacuazione, educandolo.

L’aspetto veramente fondamentale è quello di non colpevolizzare il bimbo se all’inizio avrà delle difficoltà nella gestione del vasino. Un’eccessiva durezza potrebbe compromettere tutto il delicato processo di evacuazione, il che renderebbe l’uso del vasino inutile.

Bisogna necessariamente procedere con calma, incoraggiando il bimbo e tentando il più possibile. Alcune mamme invece tendono a reagire emotivamente male, con ansia e stress, al rifiuto o alle prime difficoltà del piccolo all’uso del vasino. Niente di più sbagliato, in quanto un’eccessiva ansia nella mamma viene subito riconosciuta dal bimbo e trasmessa ad esso, e come risultato finale ci sarà una difficoltà ancora maggiore per il bambino nel suo processo di evacuazione.

Prestare particolare attenzione ai rimedi fai da te

Il consiglio numero 1 è quello di non somministrare mai lassativi o qualsiasi altra sostanza chimica che possa andare ad alterare il naturale equilibrio digestivo del bimbo, spingendo invece su rimedi naturali e salutari che lo aiuteranno in maniera più sana ed efficacie a lungo termine.

Importante non usare

Bisogna evitare la stimolazione all’evacuazione anche con rimedi troppo invasivi. Alcune volte si utilizzano dei veri e propri sondini, più indicati rispetto a punte di termometri o agli sgradevoli cotton-fioc, troppo spesso usati da tante mamme nell’errata convinzione che non siano invasivi.

Nel caso estremo si voglia ricorrere a dei veri e propri medicinali è sempre meglio rivolgersi al proprio pediatra di fiducia.
Resta comunque assolutamente consigliato per rimediare alla stitichezza dei bambini un’alimentazione sana a base di liquidi e fibre, oltre ai pratici e semplici rimedi del tutto naturali che abbiamo appena elencato.