Serrature di sicurezza: guida alla scelta

Spesso quando si parla di serrature vengono in mente le classiche porte apribili con una semplice chiave e nient’altro, ma in una società dove i furti sono all’ordine del giorno possiamo davvero dire che esse bastano a garantire la nostra sicurezza? Ne abbiamo parlato con il fabbro di Milano presente su questo sito web, che ha posto l’accento sull’importanza di una serratura di sicurezza affidabile.

Le serrature tradizionali, infatti, ormai non offrono più una valida barriera contro quei ladri che grazie alle varie tecnologie sono diventati molto più abili nello scassinare porte e cancelli. Proprio per questi motivi oggigiorno la scelta più efficace e coscienziosa consiste nell’optare per serrature di sicurezza tecnologiche e affidabili rispetto a delle classiche, ed economiche, serrature standard. Ecco alcuni esempi su quali serrature possono essere ritenute valide e quali invece è consigliato scartare.

Quali serrature sono poco sicure

Quando si parla di serrature quelle più basilari consistono nelle chiavi. Esse sono infatti le più tradizionali ed indubbiamente le più usate, ma risultano essere anche quelle più semplici e meno sicure. Molte serrature a chiave sono state considerate a prova di scasso per molti anni, ma, ora che i ladri si sono evoluti e che conoscono molti più modi per scassinare una porta, è necessario distinguere una categoria A e una categoria B in base alla sicurezza che offrono.

  • chiave seghettata tradizionale: usata solitamente per chiudere il lucchetto della bicicletta o dell’armadietto, viene fortemente sconsigliata in quanto è quella che si può aprire con maggiore facilità, basta solo usare un piede di porco;
  • chiave a doppia mappa: solitamente viene usata per le porte blindate, ma è stata la prima chiave ad essere associata ad esse e al giorno d’oggi risulta ormai di vecchia generazione quindi è facilmente apribile con un semplice scasso;
  • chiave punzonata: è la versione più aggiornata della chiave a doppia mappa, potrebbe sembrare più sicura, ma non è così. Le nuove tecnologie hanno infatti permesso e reso più facile la duplicazione di queste serrature, tecnica molto utilizzata dai ladri.

Queste tre tipologie sono le serrature che bisognerebbe evitare di applicare nelle proprie case in quanto non garantiscono abbastanza sicurezza e risultano facili da scassinare da parte dei malintenzionati.

Quali serrature di sicurezza prendere in considerazione

Le serrature più consigliate sono quelle antiscasso e non duplicabili. Solitamente per avere queste caratteristiche le serrature da prendere in esame devono essere abbastanza tecnologiche e di nuova generazione, non più semplici e tradizionali. Ecco dunque alcune delle serrature maggiormente consigliate:

  • serrature a cilindro europeo di sicurezza con tecnologia anti-bumping: è la versione evoluta del cilindro di sicurezza, solitamente è blindato in modo da evitare qualsiasi azione di bumping (che fa uso di chiavi ad urto);
  • serrature a cilindro digitale biometrico: non è una chiave classica, ma si basa sul riconoscimento biometrico di chi la utilizza. In sostanza il suo funzionamento si basa sul riconoscimento di alcune caratteristiche fisiologiche e comportamentali di chi sta cercando di utilizzarla. I modelli più basilari dispongono di un codice pin che permette di aprire la porta senza dover usare le chiavi, un vantaggio enorme dato che, in questo modo, non se ne rischia più la perdita;
  • defender antishock e defender magnetico: due possibili chiavi, la prima permette di non lasciare spazi vuoti nella serratura mentre la seconda permette di trasformare una chiave a cilindro europeo in una serratura doppia;
  • serratura con blocco antieffrazione: è un sistema che blocca la serratura nel momento in cui qualcuno prova a forzarla, non è ancora molto comune nelle abitazioni, ma viene spesso usata per la salvaguardia di immobili residenziali.

Le tipologie di serrature tra cui scegliere sono molte e tutte quante hanno i loro pregi e difetti, è quindi poi il cliente a dover scegliere quale corrisponde meglio alle proprie esigenze. Per aiutarvi ancora nella scelta vogliamo però darvi un ultimo consiglio. È infatti importante ricordare che nessuna serratura è perfettamente a prova di scasso ma, solitamente, se questo avviene, i ladri impiegano circa cinque minuti a completare l’intera operazione.

A rendere invece l’impresa più ardua è l’opzione defender che li costringe a sprecare molto tempo e a decidere di arrendersi. Serrature a parte è fondamentale anche la manutenzione periodica di esse ed accertarsi che le porte siano realizzate in modo resistente: se così non fosse una serratura, per quanto sicura, non servirebbe a nulla.

Articoli recenti