Come avere cura dei propri condizionatori?

Come prendersi cura dei propri condizionatori senza spendere troppo

Molto spesso si tende a credere che la manutenzione dei condizionatori debba essere esclusivamente eseguita da un professionista del settore. Tuttavia, in questo articolo, vorremmo darvi dei consigli su quali manutenzioni è possibile svolgere da soli, a patto che siate degli amanti del fai da te e conosciate un minimo di manualità.

Non è sempre necessaria la presenza di un tecnico quando vogliamo prenderci cura dei nostri condizionatori. Quando la bella stagione arriva e il primo sentore dell’estate comincia a farsi sentire, è il momento di capire lo stato di usura dei condizionatori. È proprio grazie a questi speciali apparecchi che riusciamo a combattere i giorni di calura estiva.

Negli ultimi tempi, le estati sono state molto più intense e afose: ne consegue che utilizziamo molto più di frequente il condizionatore. Quanto più utilizziamo un impianto, quanto più in fretta questo si usurerà e richiederà di essere cambiato.

Nonostante ci sia l’Ecobonus, ovvero un aiuto da parte dello Stato a coloro che acquistino un impianto di condizionamento nuovo e ad alta efficienza energetica, cambiare condizionatore ha un costo non proprio esiguo. Dunque, è necessario curarlo al meglio e rispettare i tempi di manutenzione, per farlo durare più a lungo possibile.

Quali sono gli interventi di manutenzione dei condizionatori a Milano che possiamo eseguire da soli? Il primo intervento di cui vi parleremo – che è anche uno dei più importanti – è il cambio o la pulizia dei filtri del condizionatore.

La pulizia e il cambio del filtro del condizionatore: un’operazione necessaria

Anzitutto, è necessario comprendere che la pulizia del filtro andrebbe fatta annualmente, possibilmente alla fine di ogni estate. Perché? Be’, l’aria condizionata mette in circolo aria artefatta, artificiale, che acquista dagli ambienti.

Tuttavia, quando il filtro è sporco, l’aria condizionata emana cattivi odori e inoltre rimette in circolo polveri nocive per il nostro organismo. Senza contare che nel filtro possono formarsi muffe e batteri potenzialmente pericolosi.

L’aria del condizionatore, dunque, deve essere sempre salubre e pulita. Il nostro consiglio è di pulire il filtro anche in estate, soprattutto se fate un uso continuo del vostro condizionatore.

E adesso vi spieghiamo come si esegue una corretta pulizia e di quali strumenti avrete bisogno.

  • Smontate il condizionatore e controllate il filtro;
  • Per pulirlo, dovrete acquistare un detergente neutro e un panno in microfibra. Ci raccomandiamo di scegliere un detergente apposito, privo di agenti chimici o di ingredienti dannosi e corrosivi;
  • In alternativa, è possibile anche utilizzare l’aria compressa per pulire il filtro.

Controllo del gas, del condensatore e quando chiamare un tecnico

Oltre alla pulizia e al cambio del filtro, è essenziale controllare ogni tanto il livello del gas e lo stato del condensatore. Anzitutto, qualora il livello del gas fosse molto basso, avremmo un condizionatore che stenta a rilasciare aria fredda. Inoltre, il condizionatore richiederebbe un consumo maggiore di energia elettrica per funzionare correttamente.

Questa tipologia di manutenzione richiede più attenzione e attrezzi precisi rispetto alla pulizia o al cambio del filtro. Dunque, qualora non ne foste in grado, sarà necessaria la presenza di un tecnico specializzato.

Uno dei problemi in cui si può incorrere è che una piccola disattenzione potrebbe causare la fuoriuscita del gas. Di conseguenza, dovremmo riempirlo completamente e ci costerebbe molto di più.

Inoltre, potremmo sempre rompere un componente essenziale durante questa delicata operazione. In questo caso, è molto meglio affidarsi alla conoscenza di un tecnico. Il costo del riempimento del livello del gas varia in base all’urgenza e anche alle ditte specializzate. Di solito, il costo potrebbe aggirarsi tra 100 e 200 euro, ma è un prezzo molto indicativo e dipende appunto dalla ditta.